| |

La voce

del tassobio

Il premio nel nome di Borciani

Sabato 4 marzo 2017, al concorso di poesie dialettali 'Il dialetto per diletto, voci di Terra Reggiana', che si tiene da due anni a Pratissolo di Scandiano, curato da Maria Teresa Pantani e dal Circolo Anspi del luogo, Savino Rabotti ha ottenuto il secondo premio nella graduatoria generale e il premio speciale “Arturo Borciani”, istituito in memoria del poeta morto circa un anno fa. La poesia premiata si intitola 'Era già l’ora che…'. Nella motivazione del premio si legge: “Un testo delicato, con tratti di bucolica soavità che percorre le sensazioni, i sentimenti, i bisogni dell’uomo, … Un’accurata ricerca metrica per un testo che pare suonare una melodia ballabile a ritmo lento…

StampaEmail

Da Sant'Ilario ad Albinea, sempre in festa

Due giorni ricchi di soddisfazioni: prima la vittoria a Sant'Ilario con la zirùdela 'La Ballata delle cestaie' nel nono concorso dialettale organizzato dal circolo 'Il Paese che canta', poi ad Albinea la segnalazione speciale nel premio 'Ugo Bellocchi' per gli studiosi del dialetto reggiano, con la ricerca 'Al savér di noster vecc', dedicata ai proverbi in vernacolo. Nella sezione rassegna stampa, gli articoli dedicati a queste due notizie dal Resto del Carlino di Modena e di Reggio

StampaEmail

La Ciùcâna

Ci sono usanze che non rispettano i confini, che si diffondono da una provincia all'altra, da una nazionale all'altra. E così capita di scoprire che un'usanza tipica di queste parti, vecchia ormai di quasi mille anni, ha tante 'sorelle' sparse in giro per le altre province e per tutta l'Europa. Parliamo della Ciùcâna, o Ciucûna nell’Appennino reggiano, Ciòca nel parmense, Scampanata in Toscana e nelle Marche. Una pratica di denuncia pubblica della quale si è parlato in occasione dell'ultima serata che Vetto ha dedicato agli scrittori, alla presenza dello storico Marco Fincardi. Ne parliamo qui VAI ALL'ARTICOLO SU REDACON

StampaEmail

Metti una sera al parco di Vetto

E' stato ottimo l'impatto, sabato 16 luglio, della prima delle tre serate dedicate alla cultura locale dalla amministrazione di Vetto, serata dedicata all'incontro con Savino Rabotti. "Erano molti più del previsto, e vedere gli organizzatori che di tanto in tanto andavano a recuperare sedie nella sala consiliare perché la gente aumentava credo sia stato gratificante anche per loro _ racconta Rabotti _. Gabriele Arlotti, che ha condotto la serata, per me era una garanzia fin dall’inizio. Ha cercato di scavare fra i sentimenti di chi ha vissuto un mondo diverso da quello attuale, di capire quali erano i ricordi di allora, quali sono i valori ancora validi oggi, quando quel mondo sembra scomparso del tutto, ed ha saputo stuzzicarmi al punto giusto per tirare fuori tutto ciò che quel mondo aveva di buono. Ci tengo anche a a ringraziare la lettrice, Giorgia Fiori, che mi ha fatto gustare i brani letti come se per me fossero nuovi. L’augurio è che l’iniziativa continui, svelando tanti aspetti di quella che chiamiamo Civiltà contadina relativi al nostro territorio, e i molti autori locali che ne parlano con affetto e dedizione". Qui trovate i prossimi appuntamenti su Redacon VAI AL SITO

StampaEmail

Altri articoli...

L'ütme Tweet