| |

La voce

del tassobio

Bacino e mulini del Tassobio

2 – Tassobio: un bacino idrografico di energia pulita

Il torrente Tassobio nasce nel territorio di Marola, presso lo spartiacque col Tresinaro, ed entra nell’Enza a Compiano, dopo un percorso di 21,50 km (solo per il tratto principale). Nasce a 735 metri sul mare e sfocia a 258, con un dislivello di 477 m. Ma il punto più alto di tutto il bacino si trova a 960 m. nel sottobacino del Rio Maillo, cioè sul lato di Bismantova che scende verso l’Albiaccio. Il bacino del Tassobio ha un’area di circa 100 km².

Gli affluenti più importanti:

Rio Maillo, da Bismantova alla confluenza nel Tassobio, sotto Gombio, in località

detta Al Šundirè, che significa: alla congiunzione dei rii;

Rio Tassaro, che nasce a Montepiano, presso Rosano, ed entra nel Tassobio di fronte

al Mulino di Chicchino;

Rio di Leguigno e

Rio di Beleo.

(Fonte: La Valle del Tassobbio - Proloco di Cortogno - 2011).

 chichino

Mulino di Chicchino oggi, recuperato e rimesso in funzione a scopo didattico. (Foto R.S.)

I Mulini

L’acqua del Tassobio, fino al 1950 circa, è stata la fonte energetica più importante, ed ha alimentato un numero considerevole di Mulini, di cui almeno 37 vengono ricordati con un nome preciso, (che a volte è cambiato nel tempo, ma regolarmente censiti dai governi), e così distribuiti:

-- lungo il corso del Tassobio: Buvolo, Chicchino, Paoli, Rinaldi, Rosati I°, Ariolo,

Leguigno, Cortogno, Grotta inferiore, Grotta superiore, Casina inferiore,

Casina superiore, del Castello (o di Marola);

-- lungo il rio Lèguigno: mulino di Leguigno;

-- lungo il rio Beleo: mulino dei Cerreti I° e II°, di Beleo, di Don Alessandro;

del Castello; di Chiccone o Mulinello;

-- lungo il Rio Maillo: mulino di Zannoni, Ferrari, Rosati II°, Maillo,

Fornace, Bellessere; di Maiola, della Schiezza, Mulinello I°, II° e III°

di Cagnola; di Fontanabuona;

-- lungo il rio Tassaro: mulino di Scalucchia, della Piàgna, Mulinaccio (Pineto).

(Informazioni prese da: De Lucis-Morselli-Rubin: AQUA MAŠNÂDA, CPCA).

CURIOSITÀ - Dopo le ultime glaciazioni (circa 10.000 anni fa), e il successivo riscaldamento, il Tassobio ha cambiato percorso più volte. Inizialmente era un torrentello che nasceva in prossimità di Piagnolo. Il Tassaro era molto più importante e raggiungeva l’Enza a Currada. Il Rio Maillo e quello di Leguigno viaggiavano verso Nord e raggiungevano l’Enza a Cerezzola. Successivi sconvolgimenti hanno fatto cambiare il corso dei torrenti suddetti fino a costituire l’attuale bacino del Tassobio, con direzione verso Ovest, unico caso in zona. (Cfr.: LA VALLE DEL TASSOBBIO, pag. 23 e seguenti).

Stampa Email

L'ütme Tweet