| |

La voce

del tassobio

Un libro da leggere, da ascoltare e da vedere. Da questa pagina si può accedere al vocabolario dialettale on line. Ho selezionato per ogni lettera una parte dei vocaboli contenuti nel VOCABOLARIO DEI DIALETTI DEL MEDIO APPENNINO REGGIANO. Non potevo inserire integralmente circa 20.000 vocaboli e oltre 5.000 proverbi e modi di dire, però ho voluto sfruttare le potenzialità della rete per trasmettere non soltanto la grafia, ma anche l'esatta pronuncia delle parole.

COME FUNZIONA: Cliccando su ogni lettera del menù che trovate in questa pagina, sarete rimandati alle pagine delle singole lettere. In ogni pagina troverete descritto il vocabolo in dialetto, e la sua traduzione in italiano. Nella finestra sopra sarà inserito un video grazie al quale si potrà ascoltare e visualizzare il modo in cui si pronuncia ogni parola.

Lettera A

Lettera A

Abâ, Abât
Abate, Superiore
Abandûn
Tradimento, abbandono.
In abandûn, A l’abandûn
Abbandonato, smesso
Abecedàri
Abbecedario. Elenco di rimproveri
Abiòch
Pisolino. Sonnolenza
Abìs
Abisso. Precipizio
Àbit
Abito. Vestito
Acaparadûr
Accaparratore
Alsìa
Ranno, lisciva
Lìs cmé l’alsìa
Liscio come il ranno
Altâna
Altana
Altêra
Testata del letto
Alvaröli
Corregge di cuoio
Amalucâ, Amalupâ
Ammalloppato
Amanîr
Preparare. Predisporre
Amàs
Ammasso. Raccolta pubblica di cereali
Arbút
Nuovo getto, gemma
Arcalsâr
Rincalzare. Dare terra alle piantine. Livellare. Rabboccare le lenzuola.
Arcalsâr la búta
Rabboccare la botte
Arcaplâr
Rabboccare i tini con vinacce
Archervâr
Dare il nome di un avo al nuovo nato
I’ han archervâ su’ nùn
Gli hanno dato il nome del nonno
Archièt
Raccolto. Contenuto. Compreso.
Arciàm
Richiamo. Mezzo per attirare l’attenzione.

StampaEmail

Lettera B

DIALETTO

ITALIANO

DIALETTO

ITALIANO

DIALETTO

ITALIANO

Babiàs

Babbeo, citrullo.

Batèš

Battesimo.

Böga

Narice.

Bàbla

Racconto, frottola 

Batòch

Battacchio.

Bògra

Poltiglia di neve sciolta.

Bacâr

Pestare. Lasciare orme.

Bcâr

Beccare.

Böra

Sorgente. Burrone.

Bàch

Orma. Traccia.

Bêdi

Bietole.

Böra

Scarti di lana lavorata.

Bàchi

Bacche.

Bèldra

Faina, donnola.

Bôšma

Bozzima.

Baciarèl, Baciôrla

Pazzerello. Poco affidabile.

Bendîga

Mancia.

Bràia

Campo in leggera pendenza.

Baciòch

Battacchio. Persona suonata.

Bergamòt

Bergamotto: tipo di pere, o rutàcea simile all’arancio.

Brànda

Branda. Lettuccio.

Baclàver

Pianta che produce bacche di lauro. Tontarello.

Bergnòcla

Bernoccolo. Bitorzolo.

Brèsca

Cera grezza.

Bactâr

Bacchettare. Rimproverare.

Bergnöl

Prugnolo. Prugna selvatica.

Brescài

Albero secco a sostegno delle viti.

Bactâr i dî

bacchettare le dita

Berlòch

Lavoro di poca importanza.

Brinsài

Straccio, stoffa rotta.

Bacùch

Vecchio decrepito.

Berlušàia

Vista annebbiata.

Bröl

Brullo. Orto.

(A) Badalúch

In abbondanza

Berlušîr

Rilucere. L’inizio della luce diurna.

Bròs

Biroccio.

Baddûr

Trebbiatrice.

Bernèl

Fermaglio.

Bruâdi

Castagne secche lessate.

Bagài

Bagaglio. Collo. Balordo, senza scrupoli.

Bersàca

Cartella di cartone.

Brúša

Azzica. Nervosismo.

Bagiân

Baggiano, minchione.

Bersiòt

Parte portante del biroccio: timone, assale, ruote.

Brušapêl

A bruciapelo.

Tú-c i cân i squàsi la cua; tú-c i bagiân i’ völi dîr la sua

Ogni cane muove la coda; ogni baggiano vuol dire la sua

Beršöla

Abrasione. Ferita.

Bšâr

Pesare. Valutare.

Baglâr

Calpestare.

Beschìsle

Schizzinoso.

Bšiâr

Pungere.

Bàgna, Bagnìcle

Sugo. Intingolo. Salsa

Bešiâr

Puntura delle api o dei rettili.

Bublîn

Bubbolo. Campanellino.

Bàia

Baia. Canzonatura. Nomea.

Bestrìghle

Cicciolo. Nonnulla.

Bú-c

Manciata di fieno. Urto.

Baiòch

Antica moneta. Ninnolo. SciocchezzuolaPersona poco importante.

Bétla

Bettola. Osteria.

Bucâl

Vaso da notte.

A n’ vâl gnân un baiòch

Non vale una cicca

Bevrâr

Abbeverare gli animali.

Bucaröla

Ferita da febbre sulle labbra.

Balè>t

Setaccio a maglia larga.

Bghîr

Bacare un frutto.

Búcia

Scorza.

Baltâr

Setacciare. Ripulire.

Bgûn-c, Bgûncia

Bigoncia.

Buciârda

Martello per fare ghiaia.

Baltûn

Pallettone da caccia.

Biâda a te, Biâda a lû

Beato te, Beato lui

(In) Bucûn

A faccia in giù.

Balús

Castagna lessata. Balordo. Testicoli.

Biâda a cla ca’ indu’ la rundanîna la gh’ fa

Felice quella casa ove la rondine fa il proprio nido

 

Bugâda

Bucato.

Bandaröla

Banderuola. Voltagabbana.

Biàs, Biasîn

Morso di pane masticato dalle balie per i neonati.

Frèsch ad bugâda

Appena lavato

 

Bandèla

Bandolo, soluzione.

Biasûgh

Bolo. Boccone masticato.

Búi

Bugno. Luogo in fondo ad una vallata stretta.

Bandulêra

Bandoliera. Portamunizioni

Biavaröl, Biavaröla

Sacco per la biada.

Búlo

Bullo. Strafottente.

Bansöl

Sgabello.

Bifûlch

Bifolco. Contadino.

Bûls

Bolso. Asmatico.

Barabân

Tipo di pere.

Bilîn

Giocattolo.

Bundâl

Saluto del primo giorno dell’anno.

Baràt

Baratto. Scambio di merci. Sostituzione.

Bìnda

Argano per sollevare pesi.

Buràs

Strofinaccio.

Baràta baràta, un cavàl al dvênta ‘na gàta!

A forza di scambiare la merce si svilisce

Bindèl

Motosega a nastro. Bandolo.

Buràt

Setaccio. Vaglio.

Barbacân

Contrafforte. Parte inferiore dei mulini ad acqua.

Birichîn

Mariuolo. Furbacchione.

 

Bûr-c

Che ha orecchie piccolissime.

Barbagài

Bargigli.

Birûn

Tappo per botte.

 

Burcài

Accoratoio.

Barbatlâr

Parlare a vanvera.

Bì>s

Bis, replica. Straccio.

 

Burchèta

Borchia ornamentale o per le suole delle scarpe.

Barbûša

Muschio. Licheni.

Bisacân

Fungo velenoso.

 

Búrga

Gabbione di contenimento. Recipiente di paglia per il pane.

Bardadûra

Bardatura.

Bisâncla

Altalena. Dondolo.

 

Burgàgna

Museruola di rete per vitelli.

Bardèla

Lembo.

Bìscher, Bìscre

Bischero, monello. Chiavetta di strumenti a corda.

Búrghe

Cova per i piccioni.

Barségla

Carne del sottopancia delle pecore.

Biscôrgne

Cervo volante.

Burîda

L’abbaiare dei cani che hanno individuato la preda.

Bàscula

Grossa pesa.

Bislênt

Straccione.

 

Búsca

Sorteggio. Sorte. Gioco a carte.

Bašèng

Balzano. Pazzoide.

Biûda

Sterco di animali.

Ciapâr la búsca

Prendere la busca (a carte)

Bàšle

Baggiolo. Traversino di legno per portare secchi.

Biûrca, Biûrch

Biolca, unità di misura terriera. Biolco, responsabile del podere.

Buschêra

Ascia per squadrare tronchi.

Bašlèta

Mento.

Blèdghe

Solletico.

(In) Búšgnûn

Accovacciato.

Nâš e bašlèta – i fêvne mujèta

naso e mento parevano due molle

 

Blêš

Balbuziente.

Busîn

Bacca di biancospino.

Bašlòt

Catino. Catinella.

Blišgâr

Scivolare.

Bút

Getto nuovo di piante.

Basòcle

Grumo di farina.

Blišgâr int al pêra

Scivolare sul piano

Butàs

Gora. Bacino del mulino.

Batà-c

Battacchio.

Blùria

Bellezza.

Butasö

Infiammazione alla gola.

StampaEmail

Lettera V

DIALETTO

ITALIANO

DIALETTO

ITALIANO

DIALETTO

ITALIANO

Vachèta

Vacchetta, pelle per scarpe.

Vedrèsa

Vitalba

Vinsìj

Vincigli, fascine con foglie per nutrire le pecore in inverno.

Trunchèt ad vachèta

Stivaletti di pelle di mucca

Ventaröla

Ventola per alimentare la fiamma.

Vìs-c

Vischio.

Vaghegîn

Cascamorto, dongiovanni

Vêrgna

Piagnucolio immotivato.

Vìs-ciarâna

Tordo migratore, più grosso della Sìca.

Valèt

Vaglio, ventilabro.

Vernàia

Foraggio per l’inverno.

Vlú

Velluto.

Vàli

Vaglio postale. Crivello, setaccio.

Viàsa

Strada brutta, dissestata.

Vturîn

Vetturino, trasportatore.

Varöl, Varö

Vaioli. Cicatrici dovute all’inoculazione dell’antivaiolo.

Vinasö

Vinaccioli, semi dell’uva.

Vulàdga

Farina sospesa nell’aria mentre si macina.

Varulâ

Butterato.

Vincâr

Piegare, doppiare, fiaccare.

Vulàdghe

Volatile, impalpabile.

Vasûra

Spulatore, capistèo.

La piânta la và vincâda fîn ch’ l’ê šûvna

la pianta va piegata fintanto che è piccola

Vultûr, Vultîn

Aratro con vomere mobile.

Vedergiàs

Ghiaccio diffuso anche sugli alberi.

Vinsiâra

Cumolo di vincigli. Donna grossa e mel vestita.

Vultûra

Cambio di proprietà. Il rivoltare un abito.

StampaEmail

Lettera C

DIALETTO

ITALIANO

DIALETTO

ITALIANO

DIALETTO

ITALIANO

Cabròs

Arbusto spinoso.

Cherbèla

Sorbo.

Testa. Inizio.

Cacài

Torsolo di frutta.

Êser fôrt cmé ‘na cherbèla

Essere acerbo

Còmda

Sedia dotata di vaso da notte.

Cadúch (Mâl)

Mal caduco. Apoplessia.

Carbúro

Carburo.

Còrga

Corba

Cà-g

Caglio.

Carpûn

Carponi.

L’ha mangiâ ‘na còrga d’ pân

Si è abbuffato

Cagapùi

Bacca di biancospino.

Caršöl

Cargiolo, canapa pronta da filare

Cròcla

Escremento di ovini o conigli.

Cagnús

Odore stantio

Casaghèi

Calzagatti

Cröi

Cercine. Nodo di rettili.

Caldâna

Base di cemento per piani.

Casöl

Che ha il mento sporgente.

Crudâr

Crollare per il sonno o perché maturi.

Caldarîn

Secchio.

Catâna

Tasca interna della giacca.

Al cröda dal sun

Cade per il sonno

Al và šó ridènd – al tûrna sú piansènd

Scende ridendo, risale piangendo

Cavàgn

Cesto, canestro.

Crûš, Crûša

Croce.

Calèšna

Caligine.

A n’ gh’é trìst cavàgn ch’a n’ vegna bûn ‘na vôlta a l’àn

Ogni cosa torna utile

O d’ quêrsa o d’ nûša / tú-c i gh’han la su’ crûša; / e s’i’ la portèsne al mercâ / tú-c cun la sua i’ arturnarèn a ca’.

O di quercia o di noce / tutti hanno la propria croce, / e se la portassero al mercato / ognuno tornerebbe a casa con la propria.

Calèster

Telaio su cui si appoggiano le botti.

Al pêrda cmè un cavàgn

Non sa tenere un segreto

Chî a la mùstra e chî a la tîn scûša / ma tú-c i’ pôrti la su’ crûša

Chi la mostra, chi la tiene nascosta, ma tutti hanno la propria croce

Calòsa

Caloscia. Copriscarpe.

Cavaiûn

Piccola bica di covoni.

Crušêra

Attaccapanni. Supporto per grossi mastelli.

Calsêder

Secchio di rame.

Cavasâr

Togliere grossi rami agli alberi.

Cúcla

Bacca di ginepro.

Camîša

Camicia. Rivestimento.

Cavdàgna

Cavedagna.

Cúcma

Cuccuma.

Chî gh’ha la camîša spôrca al gh’ha semper paiûra.

Chi ha la coscienza sporca ha sempre paura

Ardusîs a la cavdàgna

Ridursi male

Cucmartèl

Capriola.

Nâ cun la camîša

Fortunato

Rivâr in fùnda a la cavdàgna

Morire

Cudâr

Cotale. Portacote.

Campâda

Ampiezza di un arco. Gittata di un’arma.

Caveriâna

Capriata. Sostegno dei parafanghi dei birocci.

Culàs

Metà coppo.

Campâr

Vivere.

Cavicèla

Caviglia. Malleolo.

Culasö

Pezzuole per neonati.

Câmpa un dì e scâmpa bên – Tö’ la vìta cme la vên.

Campa un giorno e campa bene, prendi la vita come viene

Dùna bela – lunga d’ cavicèla

Donna bella, lunga di gambe

Culbiânc

Balestruccio (uccello).

Campèt

Strofa.

Cavúr, Cavurîn

Moneta.

Cumprîn

Spendaccione, malato di voglia di comperare.

Canalús

Gola. Gargarozzo.

Cêrsi

Correggiati

Cuncûn

Tappo per botti.

Canavöi

Cannupoli.

Chênca

Qua intorno.

Cûnsa, Cunsèri

Condimento.

Canèla

Cannella (spezie). Mattarello. Bastone per fare la polenta.

Cheriadûra

Creatura, bambino.

Cunsîn

Chi carda lana o canapa.

Chî ch’a n’ vôlta la manèla – a n’ vôlta la canèla

Chi non cura il grano farà poca sfoglia

Chervâda (Cârna)

Carne greve.

Cupröl

Coprivalvola della bici.

Canì-c

Cannucciato. Steccato su cui seccare le castagne.

Ciàp

Gancetto fermacapelli.

Curadèl

Solco. Scolo.

Cànva

Canapa.

Ciapèla

Scheggia, frammento.

Curàm

Cuoio.

Capgàt

Mal di testa.

Ciocabèch

Poco furbo. Tipo di erba.

Fâls cmè i sôld ad curàm

Falso come una moneta di cuoio

Càpia, Càpi

Cappio.

Ciucûna

Baia. Chiasso.

Curiöl

Rampicante infestante.

Capirûn

Contenitore per il latte.

Ciúpa

Pagnotta.

Cursân

Querciolo.

Capòlga

Castagna turgida. Persona grassottella.

Ciûš

Stalleto per maiali.

Curšöli

Stringhe di cuoio.

Capús

Cavolo cappuccio.

Ciùstre

Manipolo d’erba.

Cusèla

Porcino

Carâda

Carreggiata, stradello fra i campi.

Clùster

Colostro

Cutúgn (pùmb)

Mela cotogna.

Andâr föra d’ carâda

Uscire dal seminato

StampaEmail

Lettera U

DIALETTO

ITALIANO

DIALETTO

ITALIANO

DIALETTO

ITALIANO

Ucarèla

Fermaglio per le finestre.

Umèt

Reggispinta tra le travi delle capriate. Attaccapanni, gruccia.

Úst

Solo, solamente

Ucarîna

Strumento musicale in terracotta.

Urdidûr

Telaio per predisporre l’ordito per la tessitura.

Ustadès

Poco fa

Üfa

A ufo, gratis.

Uršaiöl, Uršöl

Orzaiolo, furuncolo.

Üšvìi

Utensile, ferro del mestiere.

StampaEmail

L'ütme Tweet