| |

La voce

del tassobio

Indovinelli I

Al và šù ridènd,

al tûrna sú pianšènd.

Scende ridendo, risale piangendo.   (Il secchio nel pozzo)

Côrp ad fèr, ànma d’ bambâš,

s’ t’an l’indvîn i’ t’ tàj al nâš.

Corpo di ferro, anima di bambagia, se non l’indovini ti taglio il naso.

                                       (Il lume a petrolio e lo stoppino)

In bòsch al nàs, in Vila al câmpa.

L’é ‘l vîv ch’al pôrta al môrt,

l’é ‘l môrt ch’al cânta.

Al gh’ha la pânsa vöda e i budê tirâ,

e al fà squasâr al cûl a i’ inamurâ. (Il violino)

Nasce nel bosco, vive in villa (nei paesi). È il vivo (il suonatore) che regge il morto, è il morto (il violino) che canta. Ha la pancia vuota e i budelli tirati (le corde), e fa muovere il sedere agli innamorati (li fa ballare).

L’ê sénsa cârna e òs,

ma la scavâlca i fòs.

È priva di carne e di ossa ma scavalca i fossi. (La nebbia)

                                                

A gh’é ‘na stàla piêna d’ vàchi biânchi:

arîva ‘na rùsa ch’ la li câlsa túti.

C’è una stalla piena di mucche bianche; ne giunge una rossa che le scalcia tutte. (I denti e la lingua)

A gh’é un prâ piên d’ vàchi rùsi:

a n’arîva ‘na nîgra ch’ la li pâra via túti.

C’è un prato pieno di mucche rosse: ne arriva una nera e le manda via tutte. (Le braci nel forno e lo spazzettone)

A gh’é un prâ bên arâ e bên surcâ:

‘nsúna vàca a l’ha mai pistâ.

C’è un prato ben arato e con bei solchi:

nessuna mucca lo ha mai pestato. (il tetto di coppi)

                                      

Dû spunciûn, dû lušûr,

quàtre stànghi e un spasadûr.

Due spuntoni (corna), due fanali (occhi), quattro stanghe (gambe) e una scopa (coda).  (La mucca)

Šù i’ t’al dìgh, e šù t’al sê,

s’i’ n’ tal dìgh te t’ n’al sarê.

Giù te lo dico e giù lo sai: se non te lo dico non lo saprai.   (Il giogo)

(Il gioco sta nella pronuncia di Giù e Giogo, che in dialetto è la stessa: šù).

                      

Trê sitâ in Lumbardìa:

prìma Milân pu’ dòp Pavia,

me i’ t’al dìgh, ma te t’ n’al sê

Còm a s’ciàma la têrsa sitê.

Tre città in Lombardia: prima Milano e dopo Pavia.

Io te lo dico, ma tu non sai: come (Com) si chiama la terza città. (Como).

Rùs rusèt,

in tâvla il le mèt:

Se al re a gh’ vên la vöja

al le ciàpa per la cua.

Rosso, rossetto: lo metto in tavola.

Se al re viene la voglia lo prende per la coda. (La ciliegia).

Stampa Email

L'ütme Tweet

Console Debug Joomla!

Sessione

Informazioni profilo

Utilizzo memoria

Query Database