| |

La voce

del tassobio

Indovinelli a doppio senso

Mi’ marî l’é Luigîn,

l’é un pô cìch ma al gh’ha i sbafjîn;

al gh’ha ‘l capèl cun la piúma

al càta al bûš sensa la lúma. (La talpa)

Mio marito si chiama Luigi, è piccoletto, ma ha i baffi;

ha il cappello con la piuma e trova il buco senza lume.

Variante

Mi’ fradèl l’ha a nòm Fraschîn,

al gh’ha la bârba, al gh’ha i sbafjîn,

l’é muvšîn cmé ‘na piùma,

al càta al bûš sensa la lúma. (Il gatto)

Mio fratello si chiama Federico, ha la barba e i baffi,

è morbido come una piuma e trova il buco senza il lume.

La serva dal munâr la šurêva

che di pêl lê la ‘n n’aîva.

A s’ gh’é rut la sutanîna,

a s’ n’é vist ‘na muciadîna. (Pannocchia di granoturco)

La serva del mugnaio giurava che non aveva peli.

Le si è rotta la sottana (l’involucro della pannocchia) e se ne è visto

un mucchietto.

“O spušlîna murèta,

indu’ vöt ch’i’ tal mèta?”

“Ma t’a n’ sê l’ušânsa?

Infùnda a la pânsa”!   (La botte e la spina)

O sposa morettina, dove vuoi che te lo metta?

Non conosci l’usanza? In fondo alla pancia

A gh’é un maciûn / ch’al púsa, ma al sa d’ bûn.

Ad föra l’è punšênt, / ad dênter l’é rusênt.

Ai vè-c a gh’ piâš lârgh, / ai šûvne strèt. (Il roseto)

C’è un cespuglio che odora, ma ha un buon profumo. Fuori è pungente,

dentro è rossiccio. Ai vecchi piace largo, ai giovani stretto.

Stampa Email

L'ütme Tweet

Console Debug Joomla!

Sessione

Informazioni profilo

Utilizzo memoria

Query Database